A A A
 

Comunicato Stampa


Laborfonds adesioni e contribuzioni in crescita nonostante un 2022 difficile per i rendimenti
Si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione dei dati di fine 2022 del Fondo.

I mercati finanziari in ribasso hanno influito anche sui rendimenti delle linee del Fondo Pensione, ma la fiducia delle lavoratrici e dei lavoratori in Laborfonds viene comunque confermata: in crescita le adesioni, anche tra i giovani, e i versamenti al Fondo.


Numeri negativi per i rendimenti
Il 2022 è stato per i mercati finanziari un anno del tutto anomalo, caratterizzato da forti difficoltà sia nei mercati azionari che in quelli obbligazionari: è una situazione che ha pochi precedenti storici. Le cause principali sono note a tutti: la crescita dell’inflazione, le tensioni geopolitiche e il caro-energia. Anche i fondi pensione hanno risentito fortemente di questa crisi e Laborfonds purtroppo non fa eccezione. Tutti e quattro i comparti di investimento hanno chiuso con risultati negativi: Linea Dinamica con un -11,53%, Linea Bilanciata con -11,43%, la Linea Prudente Etica con -12,40%, e la Linea Garantita con -1,58%. A fine 2022 il patrimonio netto del Fondo ammonta a 3,4 miliardi di euro.
“Ci auguriamo sempre di avere dati positivi da presentare ai nostri aderenti, ma non bisogna dimenticare che l’orizzonte temporale del piano pensionistico complementare è per sua natura di lungo periodo ed è assolutamente fisiologico che si alternino fasi positive e negative dei mercati finanziari. I risultati si vedono ragionando su lassi di tempo di 10 anni o più.”, commenta il presidente di Laborfonds, Michele Buonerba.

Il rendimento medio annuo delle linee di investimento di Laborfonds, infatti, risulta positivo se si prendono in considerazione gli ultimi 10 anni (2013-2022): Dinamica +4,74%, Bilanciata +3,15%, Prudente Etica +2,28% e linea Garantita +0,38%.“L’esperienza insegna come ad ogni caduta sia seguita, prima o poi, la risalita. La fiducia in Laborfonds, nel lungo periodo, ha sempre dato buoni frutti.” puntualizza ancora Buonerba.

Investimenti diretti nel territorio
Tramite gli investimenti diretti nel territorio Laborfonds ha contribuito anche nel 2022 al rafforzamento del ciclo economico regionale investendo in energie rinnovabili, in edilizia abitativa sociale e in altri settori di rilevanza strategica. Gli investimenti diretti continueranno anche nel 2023 sempre con una particolare attenzione al nostro territorio.

Crescono i nuovi aderenti
La nota positiva è che continua e si rafforza il trend positivo delle adesioni al Fondo: nel 2022 si sono registrate più di 7.000 nuove iscrizioni, il 40% di persone è under 30; Laborfonds ha superato così i 134.000 aderenti. Anche i contributi versati a Laborfonds nel corso del 2022 hanno visto un significativo incremento (+4,59% rispetto all’anno precedente).
Questi ottimi risultati sono stati ottenuti confermando un livello di costi molto contenuto.
“Il fatto che gli iscritti continuino ad aumentare conferma che un fondo territoriale -che costruisce insieme ai propri aderenti una progetto previdenziale di lungo termine- rappresenta una soluzione di successo anche nei momenti difficili. La crescita di adesioni tra i più giovani è un segnale molto positivo perché significa che la popolazione della nostra regione comprende sempre più quanto la previdenza complementare sia importante per il proprio futuro”, dichiara il Direttore Generale di Laborfonds, Stefano Pavesi.

25 anni di Laborfonds
Il 2023 sarà l’anno in cui Laborfonds festeggerà i suoi primi 25 anni di attività. “Si tratta di un traguardo importante che abbiamo raggiunto insieme crescendo costantemente.” ricorda il Presidente Michele Buonerba “Ringraziamo tutti i nostri aderenti per la fiducia dimostrata. Vogliamo però crescere ancora e coinvolgere sempre più i giovani”.